Breaking News

Norma, Latina, cosa vedere? Ristoranti, museo del cioccolato, centro storico, norme Covid

Ci troviamo oggi al cospetto di un altro suggestivo piccolo centro, sito in provincia di Latina, nel Lazio. Il nome di tale località è Norma.

Il paesino è posto sui monti Lepini, più specificamente su un’area rocciosa da cui è possibile scorgere la vista dell’agro pontino e dell’oasi di Ninfa.

L’antico nucleo portava il nome di Norba, ma una volta ridotto in macerie dalla truppe di Silla, il luogo non conobbe alcuna riedificazione. I pochi abitanti messisi in salvo si mossero allora verso l’attuale sito, ribattezzato appunto Norma.

Col fine di evitare altri assedi, il nuovo sito fu eretto al di sopra di una zona fortemente inespugnabile, quindi su di una rupe, la rave.

In epoca medievale, dipese totalmente dall’ Abbazia di Valvisciolo, arrivando a formarsi come marchesato sotto i Borghese.

Cosa vedere a Norma? Centro storico e museo del cioccolato

Il piccolo borgo si compone di diverse strutture religiose quali la Chiesa dell’Annunziata elevata a Santuario della Madonna del rifugio e il monastero di Santa Maria di monte mirteto. Di notevole rilievo anche i suoi scavi archeologici.

Se volessimo esaminare più attentamente gli edifici religiosi, potremmo iniziare dalla Chiesa dell’Annunziata, la quale sorge nel punto più elevato del centro storico e presenta una pianta del tutto differente dall’originaria.

Il sacro luogo, difatti, ha subito diversi rimaneggiamenti. Attualmente, è una basilica a tre navate con altare maggiore, una serie di altari minori e cappelle laterali. Tele, affreschi e archi incrociati donano solennità all’intera struttura.

Del sopracitato monastero, purtroppo, non ci resta che un rudere collocato nelle vicinanze delle rovine del magnificente giardino di Ninfa.

Infine, le indagini condotte dall’archeologa Stefania Quilici Gigli ci hanno portati alla scoperta delle antiche rovine della città. Dalle profondità del terreno sono emerse porzioni delle mura di cinta e resti di suggestivi templi, quali quello consacrato alla dea Diana. Tutto quello che è stato riportato alla luce della città del passato è stato poi raccolto nel Museo Nazionale romano e nel Museo Civico Archeologico di Norma, in via della Liberazione.

Nel caso in cui siate alla ricerca di un dolce posto, Norma ospita, all’ interno dei suoi confini, un museo del cioccolato, fondato nel 1995, su iniziativa di privati. Lo storico edificio è suddiviso in tre sezioni: la prima che illustra la storia del consumo del cioccolato, il secondo spazio è dedicato alle tecniche di coltivazione del cacao e il terzo comprende una collezione di cimeli appartenenti all’industria cioccolatiera.

Ristoranti e norme Covid

Non possono mancare i nostri consigli a tema culinario. Anche Norma è ricca di locali gastronomici deliziosi. La locanda Da Valentino coi ristoranti La Piccola Fontana, Al Castello e il Pomarancio sono solo quattro dei posti meglio recensiti, se si vuole gustare un prelibato banchetto.

Come per tutti i comuni italici, anche per Norma sono in vigore delle misure per arginare la diffusione del Covid e prestare assistenza ai cittadini.

Qualunque membro del comune di Norma dovrà comunicare all’indirizzo email rifiutispeciali@comune.norma.it il proprio indirizzo di residenza. Si potrà così portare a termine la raccolta di rifiuti speciali covid-19.

Se un cittadino risulta positivo, allora potrà comporre un numero di telefono per ricevere aiuto. Tale numero è riportato sul sito ufficiale del paese.