martedì, Aprile 16, 2024
HomeSenza categoriaDalla Tombola al Mercante in Fiera: i giochi natalizi più amati in...

Dalla Tombola al Mercante in Fiera: i giochi natalizi più amati in Italia

La tecnologia fa ormai parte integrante del nostro mondo, permeando ogni momento della nostra giornata. Dal lavoro alla spesa, dalla gestione della casa a quella dei conti. E anche l’intrattenimento è ormai vissuto da dietro uno schermo di uno smartphone o di un tablet. Ci sono però alcuni momenti e certe occasioni che non possono essere demandate alla tecnologia e sono ancora vissute con tanto piacere in carne e ossa, stabilendo relazioni e vivendo il momento. Come ad esempio le feste natalizie, quando le famiglie si riuniscono tutte insieme e colgono l’occasione per passare qualche ora di divertimento attorno a un tavolo da gioco. Ci sono infatti tantissimi giochi tradizionali di questo periodo dell’anno e l’elenco è davvero lungo. Come ad esempio a partire dalla scopa e lo scopone le cui regole sono note a buona parte della popolazione, certamente tutti coloro che conoscono i giochi di carte sanno come si fa il calcolo della primiera a scopa e tutte le differenze con lo scopone scientifico. Ma c’è anche il sette e mezzo, il tressette se si è in pochi, e come non citare l’immancabile tombola e l’avvincente Mercante in Fiera. Giochi per tutti, evidentemente belli e affascinanti che riescono a resistere all’avanzata della tecnologia.

La tombola

Iniziamo dal gioco tradizionale del Natale, un must che non può assolutamente mancare in una delle serate in famiglia dopo il grande cenone. Un gioco dalle origini antichissime tipico della tradizione napoletana, che porta con sé l’emblema dell’arte e della creatività partenopea, e che mette d’accordo tutta la famiglia ma dove vige principalmente il fattore fortuna. Il gioco è semplice, ci sono novanta numeri a disposizione e tante cartelle che ogni giocatore può acquistare. Ogni numero estratto deve corrispondere a un numero presente sulla cartella. Man mano che il gioco va avanti ogni giocatore può fare ambo, terna, quaterna e cinquina. E ovviamente tombola.

Mercante in fiera

Per giocare al Mercante in Fiera, innanzitutto serve dotarsi di carte particolari, tessere che riprendono lo stile dei tarocchi, con ogni carta che ha un personaggio, un oggetto e un significato tutto suo. E di qui parte il gioco che è destinato a tutti ma specialmente a chi ha davvero l’animo del mercante. Perché lo scopo del gioco è quello di comprare, azzardare l’acquisto e sapere cosa avere in mano. Ma è uno dei giochi più divertenti da fare a Natale, specialmente se il banditore è un tipo spigliato e divertente, in grado di far aumentare la suspence ad ogni carta messa in vendita. Non mancano le lunghe trattative per gli scambi di carte tra i giocatori ma alla fine, quando il banco inizia a scoprire le carte, è lì che il gioco inizia ad entrare nel vivo con i premi da conquistare a tutti i costi.

I giochi di carte tipici della tradizione

Non possono mancare le carte da gioco italiane e francesi sui tavoli del Natale. Per giocare a sette e mezzo ad esempio, con i giocatori intenti a gestire le carte ricevute dal mazziere e fare al massimo, appunto, sette e mezzo. Così come il tressette, un gioco avvincente e non certo semplice se lo si vuole giocare ad alti livelli. E senza dimenticare i classici scopa, scopone e briscola. Giochi che non possono prendere un gruppo ampio di persone e che spesso capitava che “gli anziani” della famiglia giocassero in una stanza della casa lontano dal trambusto di chi invece magari giocava a sette e mezzo, tombola o al mercante in fiera.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments