Quando inizia Viva Rai2 di Fiorello? Data ufficiale, anticipazioni, canale

0
103
Italian showman Rosario Fiorello poses with the Assomusica award at the 70th Sanremo Italian Song Festival, Sanremo, Italy, 06 February 2020. The festival runs from 04 to 08 February. ANSA/ETTORE FERRARI

Il mattatore sta per tornare. Rosario Fiorello è pronto a sbarcare di nuovo sugli schermi della Rai per una trasmissione televisiva di sicuro successo. Vediamo quando inizia Viva Rai2 di Fiorello e su quali piattaforme potrà essere visto.

Partiamo col dire che lo show è già partito anche se non sulla tv generalista. Il programma mattutino di Fiorello è disponibile, infatti, a partire da lunedì 7 novembre su RaiPlay, la piattaforma in streaming della Rai, andando in pratica a proseguire nel solco tracciato fino dal 2019 dal formato VivaRaiPlay Per chi vuole, però, godersi le gag e la vivacità di Rosario Fiorello anche sul digitale terrestre l’attesa non sarà esagerata.

In tv su due canali

Da lunedì 5 dicembre, infatti, VivaRai2 andrà in onda proprio su Rai 2 dalle 7 alle 8,30 del  mattino, tutti i giorni della settimana, esclusi sabato e domenica. Da lunedì a venerdì ci sarà, dunque, un big dell’intrattenimento per i telespettatori della fascia mattutina, ma non solo. Ogni puntata andrà in onda, infatti, anche su un altro canale della tv di Stato, anche se in pratica di notte.

Dopo il consueto appuntamento di seconda serata con l’approfondimento della storica trasmissione Porta a Porta di Bruno Vespa, Rai1 manderà, infatti, in onda VivaRai2. Un orario preciso non può essere stabilito, ma è possibile che la replica andrà in onda verso l’una di notte, a 18 ore dal primo lancio mattutino sulla seconda rete.

Dato l’orario mattutino in cui va in onda, il format della trasmissione non dovrebbe discostarsi molto dall’Edicola Fiore, lo storico programma di Fiorello, andando in onda anche su Sky dal 2011 al 2017 e nel quale veniva riproposto lo schema della rassegna stampa dei quotidiani, ovviamente rifatto dalla maniera dell’intrattenitore siciliano. Dietro il ritorno in Rai di Rosario Fiorello, ci sono soprattutto due persone come egli stesso ha ammesso in un’intervista all’agenzia Ansa: si tratta dai Stefano Coletta e Carlo Fuortes. Per Rosario non si tratterà di un esordio. Anzi.

Il ritorno e le polemiche

Ad esattamente 30 anni di distanza Fiorello si rifà vivo sul canale della numerazione 2. Ancora prima di esplodere grazie al Karaoke, nel 1992, infatti, condusse il Nuovo Cantagiro su Rai 2. Questo progetto, però, è più legato a Viva RaiPlay e Viva Radio 2, diventato programma di culto dell’emittente radiofonica.

Sul posizionamento del programma di Fiorello in tv non sono mancate le polemiche. All’inizio si pensava, infatti, ad una diversa collocazione dello show che sarebbe dovuto andare in onda, sempre nella fascia oraria mattutina delle 7, ma su Rai 1. La redazione del Tg1 è, però, insorta all’idea di perdere uno spazio storico per il telegiornale di riferimento di viale Mazzini. Ne è nato uno scontro che sembrava aver spinto Fiorello addirittura ad abbandonare il progetto.

Per fortuna, anche grazie alla mediazione dell’azienda, il comico è tornato sui suoi passi, anche se l’emittente di Stato ha salvato capra e cavoli spostando Fiorello su Rai 2. Certo se l’obiettivo primario era quello di dare ossigeno all’audience della mattinata di Rai 1, possiamo già dire di averlo mancato. In Rai si augurano che basti la doppia collocazione per garantire un pubblico congruo allo show.

Continua a leggere su MigliorTelevisore