venerdì, Settembre 30, 2022
Google search engine
HomeFinanzaOro Capitale: a Roma le valutazioni dei compro oro sono più alte?

Oro Capitale: a Roma le valutazioni dei compro oro sono più alte?

L’oro è uno dei metalli più preziosi e, negli ultimi anni, le sue quotazioni tendono sempre al rialzo. Chiunque abbia da parte gioielli che non indossa più si sarà chiesto, almeno una volta, se non fosse arrivato il momento di provare a venderli. In particolare, nella città di Roma, i negozi di Compro Oro sono davvero numerosi e le opportunità si moltiplicano di molto. Ma la truffa è dietro l’angolo se non si sa esattamente come muoversi e a chi rivolgersi.

Vendere oro: le operazioni preliminari

Nel momento in cui si decide di vendere dell’oro o dell’argento, bisognerebbe sempre svolgere delle operazioni preliminari per non lasciarsi prendere alla sprovvista.

Innanzitutto, controllare l’attuale quotazione oro usato oggi attraverso siti web affidabili: a Roma, quello di Orolive le tiene costantemente aggiornate in home page. Questo primo passaggio consente di avere un punto di partenza, a cui deve seguire necessariamente la verifica del peso dei nostri oggetti in metallo prezioso. Ciò consentirà, nel momento in cui rifarà l’operazione l’esperto a cui ci rivolgeremo, di avere un altro parametro di riferimento. Ovviamente una bilancia casalinga non potrà essere precisa quanto un bilancino di un Compro Oro, ma sempre meglio di non avere alcuna idea di quanto stiamo per fare.

La differenza tra quotazione e valutazione

La quotazione dell’oro viene effettuata dai mercati, facendo riferimento all’oro puro di 24 carati. Il riferimento è la Borsa di Londra, che due volte al giorno rilascia i dati utili a tutto il mondo per le compravendite. La valutazione oro, invece, è a cura dei negozi specializzati.

Basandosi sul peso dell’oggetto, sull’eventuale maison che lo firma, sulla percentuale di oro effettivo e sul peso specifico, è possibile stabilire il valore effettivo del bene che intendiamo rivendere. Comprendere questa differenza è il primo passo per poter fare una stima corretta e realistica di ciò che possediamo.

Compro Oro: i passaggi antitruffa

Può accadere di avere un bel tesoretto tra le mani e di non esserne affatto consapevoli. Assicurarsi che ci si trova in un negozio Compro Oro affidabile e serio è possibile, se teniamo in dovuta considerazione alcune informazioni importanti:

  • I Compro Oro autorizzati sono iscritti all’OAM, un registro ufficiale dedicato ai professionisti del settore che sono soggetti a controlli periodici e verifiche della regolarità delle attività svolte.
  • Le norme antiriciclaggio prevedono che siano richiesti i documenti a chi effettua una vendita. Diffidate, dunque, di chi non svolge questo passaggio.
  • È buona abitudine scegliere un Compro Oro che sia in grado di effettuare valutazioni anche su pietre preziose e gioielli. Il rischio potrebbe essere di veder sottovalutato il monile nella sua interezza, mentre la valutazione avviene esclusivamente sulla quantità di metallo prezioso.
  • A Roma spesso ci si imbatte in negozi in cui è difficile comprendere il peso esatto della merce che stiamo per vendere. Bando, dunque, alle bilance con i vecchi pesetti in metallo. Meglio favorire le attività in possesso di bilance di ultima generazione, elettriche e con un display ben visibile per tutti.
  • Il decreto legislativo numero 92 del 2017 impone di non accettare pagamenti in contanti superiori a 499,00 euro. La tracciabilità del pagamento e la correttezza della transazione garantiscono sia il venditore che l’acquirente.
  • La nostra stima del gioiello che stiamo per vendere non deve tener conto del valore affettivo, né tanto meno di eventuali e particolari lavorazioni che riporta. Quasi sempre i metalli preziosi portati al Compro Oro vengono fusi per creare nuovi oggetti, di conseguenza non si tratta di un valore aggiunto da prendere in considerazione.
  • È bene non lasciarsi condizionare dall’esperienza di chi ci è di fronte, fare domande è sempre lecito. Tra quelle più importanti vi è quella sulle spese e le commissioni. Prima di accettare la compravendita si deve considerare ogni aspetto e, soprattutto, avere ben chiaro quali saranno le trattenute. Un negozio che vive di questo deve necessariamente riservare per sé una percentuale, ma è buona norma che sia chiara e trasparente a tutti.
  • Infine, non per importanza, la ricevuta. Dal luglio 2017 tutti i Compro Oro sono obbligati a firmare un regolare atto di vendita e a rilasciare la relativa ricevuta. Va assolutamente pretesa, perché è testimonianza della provenienza del denaro ricevuto.
RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments