mercoledì, Agosto 10, 2022
Google search engine
HomeCucina e RicettePangiallo di Latina, la ricetta originale, ecco come si prepara

Pangiallo di Latina, la ricetta originale, ecco come si prepara

Il Pangiallo di Latina è un dolce tipico romano conosciuto anche con il nome di pangiallo Romano o pangiallo di Palestrina e da non confondere con il pangiallo toscano. Le sue origini sono molto antiche pare addirittura che la sua storia risalga a quella dei dolci Antica Roma. In epoca romana si era soliti portare in tavola un dolce che veniva consumato da tutta la famiglia riunita attorno alla tavola nel giorno del solstizio d’inverno. Consumare il dolce insieme alla famiglia attorno alla tavola era considerato un rito propiziatorio per uscire il prima possibile dal freddo dell’inverno e per poter tornare a godere del caldo Sole primaverile.

Ingrediente principale di questo dolce è la frutta secca, la sua forma ricorda quella di una pagnotta di pane di granoturco, proprio per il suo colore giallo, da qui il nome Pan giallo. C’è chi lo assimila al ricordo del Sole proprio a causa del rito propiziatorio e della sua funzione di cui vi abbiamo parlato poco fa.

La realizzazione del pangiallo segue scrupolose e attente procedure che arrivano direttamente dall’antica Roma. Nel suo libro di ricette, Apicio, uno dei cuochi più rinomati della Roma imperiale, descrive in maniera complessa e minuziosa tutte le fasi di lavorazione e la scelta degli ingredienti per realizzare un dolce che sembra a tutti gli effetti essere il pangiallo di Latina.

C9n l’andare dei secoli il pangiallo è diventato un dolce tipico del Lazio che si consuma prevalentemente il 25 dicembre, prendendolo, di fatto, un dolce tipico del periodo natalizio.

Ricetta pangiallo

Ingredienti per 5 persone

100 g diuvetta

50 gg di canditi

125 g di nocciole l, 125 g di mandorle è 125 g di pinoli

50 g di zucchero

150 g di miele

un limone e un’arancia

100 g di cioccolato fondente

75 g di farina 00

1 cucchiaio di olio

1/2 bustina di zafferano

Procedimento

Per prima cosa mettete l’uvetta in ammolla all’interno di una ciotola con dell’acqua per almeno mezz’ora così da farla diventare più morbida. Mettete sul fuoco una pentola con dell’acqua e metteteci dentro le mandorle e le nocciole, appena si saranno ammorbidite, Spegnete il fuoco, Aspettate che raffreddino e togliete la buccia punto prendete una placca da forno metteteci sopra le mandorle e le nocciole E mettetele a tostare nel forno fino a quando non diventeranno dorate, Dopodiché mettete da parte.

Prendete una pentola e metteteci dentro il miele, la buccia grattugiata del limone e dell’arancia e lo zucchero, mettetele sul fuoco e fatele sciogliere completamente.

A questo punto prendete le nocciole e le mandorle e mettetelo all’interno dello sciroppo e Aggiungete anche il cioccolato a scaglie, precedentemente sminuzzato. Continuate a cuocere sul fuoco per circa un paio di minuti. Preparare la glassa aggiungendo alla farina, l’olio è un po’ di acqua calda.

Una volta fatto raffreddare l’impasto, prendetelo e suddividetelo come se stesse facendo dei piccoli panini, non lasciate raffreddare completamente l’impasto altrimenti non potrete modellarlo. Bagnatevi le mani, formate le pagnottine e mettetele su di una placca da forno. Una volta completato questo passaggio potrete spennellarli con la glassa precedentemente preparata e infornarli in forno statico per 25 minuti ad una temperatura di 170 gradi.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments