Breaking News

Banca delle Marche, perché è fallita, chi l'ha assorbita

Banca delle Marche, perché è fallita, chi l’ha assorbita

Banca Marche è un istituto fondato il 20 ottobre del 1994 nella città di Ancona, dove allora era situata la sede legale. La bancamarche non è stata altro che il risultato finale della fusione avvenuta tra la “Cassa di Risparmio di Pesaro” e la “Banca Carima”, quest’ultima fino al 1992 era la “Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata”. Entrambe sono state due delle storiche banche della regione dell’Italia centrale. Negli anni molte cose sono cambiate e il fallimento è uno degli avvenimenti che più ha fatto discutere l’ambiente legato alle banche Marche. Molte notizie sono presenti su siti ufficiali e non (www.bancamarche.it, www banca Marche, www.bancadellemarche.it, www.banca delle marche.it); proviamo ad approfondire il tema legato ad azioni banca Marche, banca delle Marche self, banca adriatica!

Banca delle Marche notizie e storia

Prima di arrivare alla nuova banca Marche è bene ricordare quali sono stati i passi mossi per tanto tempo dalla banca stessa. Nel 1995 ha incorporato la “Cassa di Risparmio di Jesi”, solo qualche anno dopo, siamo nel 1997, la banca delle Marche s.p.a ha acquisito il controllo di “Carilo-Cassa di Risparmio di Loreto spa” e “Mediocredito Fondiario Centroitalia spa”. Nel 2003 si è verificato l’assorbimento di “Mediocredito Fondiario Centroitalia spa”, mentre tra gli anni 2004 e 2006 si è avuta la costituzione di “Banca delle Marche Gestione Internazionale Lux SA”, una società di gestione di risparmio istituita in base alle norme del diritto del Lussemburgo e di “Medioleasing spa”, specializzata come intuibile in attività di leasing. Le vicende positive continuano ancora per qualche tempo tant’è che nel 2007 si è verificato anche un aumento del capitale ed in seguito é stata rilevata la “Fondazione Cassa di Risparmio di Fano”.

Situazione banca Marche: gli anni della crisi

Come sempre non tutto oro e quel che luccica e anche banca delle marche spa si trova a fare i conti con un momento di difficoltà. Siamo nel 2013 quando la Banca d’Italia, con uno specifico provvedimento, dispone la sospensione degli organi addetti allo svolgimento di funzioni amministrative e di controllo della banca delle Marche. Nello stesso anno la banca è stata posta sotto il regime di commissariamento che portato alla sua sottoposizione all’amministrazione straordinaria per portare a termine l’opera di risanamento.

Banca Marche filiali e fallimento

La Banca delle Marche, comprensiva di tutte le sue filiali, banca delle Marche Pesaro, banca Marche Pesaro e non solo, è fallita a causa delle gravi perdite patrimoniali verificatesi e anche per gravi irregolarità amministrative poste in essere dall’istituto stesso. Nel 2015 è nata la nuova Banca delle Marche spa che assorbito diritti, attività e passività, escluse solamente le passività subordinate e ha iniziato la sua nuova attività nel settore a partire dal 23 novembre dello stesso anno. La storia di questo istituto, seppur raccontata in breve, è un ottimo spunto di riflessione perché la stessa banca è stata per anni un vero e proprio punto di riferimento per commercianti e tante attività locali e non solo, motivo per cui dalla sua presenza derivava quella di tante altre realtà più piccole ma non meno importanti.