Breaking News

Prestito con titoli a garanzia

Prestito con titoli a garanzia: cosa sono, tutti i tipi

Il prestito con garanzia titoli è una forma di finanziamento che la banche concedono ai clienti bisognosi di liquidità o che pianificano determinate spese. L’istituto di credito accorda il prestito chiedendo però in garanzia i titoli posseduti dal richiedente. In questo modo, la banca li tiene in pegno fino all’estinzione del debito da parte del cliente.

Prestito titoli come funziona

Per quanto non sia una situazione comunissima, può succedere che una persona senza lavoro e a corto di liquidità abbia conservato un portafoglio titoli con fondi comuni, obbligazioni o azioni. Al momento di chiedere la somma, la banca usa come garanzia questi titoli del cliente in modo da coprire, in tutto o in parte, l’importo della somma erogata. Questo prestito titoli conviene anche a chi preferisce non intaccare la sua liquidità e offre in garanzia i suoi titoli personali alla banca. Gli analisti finanziari definiscono questo tipo di finanziamento “controgarantito” perché, in effetti la banca vuole dal richiedente una doppia garanzia: la prima la offre il cliente stesso, in base al suo reddito e al tipo di spesa che deve documentare, la seconda riguarda invece i titoli e i fondi che lui impegna per ottenere l’importo richiesto. I titoli in garanzia  riducono molto il rischio d’insolvenza perché l’istituto di credito può ovviamente rivenderli se il cliente non rimborsa le rate. In realtà, questo scenario negativo non è così frequente se i clienti usano solo una parte dei loro titoli e hanno un reddito sicuro da lavoro dipendente o autonomo. Il loro unico scopo è infatti quello di affrontare le spese con l’aiuto di un finanziamento per non usare direttamente il capitale.

Prestito titoli rischi e remunerazione prestito titoli

Per quanto l’operazione con prestito di titoli non sia troppo rischiosa, per chi è solvibile e ha un buon deposito titoli, occorre ricordare che il prestito va restituito alla banca entro la scadenza, pagando anche gli interessi intorno al 2%. I titolo impegnati restano di proprietà del debitore che però non può usarli finché non rimborsa l’intera somma. Di conseguenza, è sempre consigliabile leggere le note informative prestito titoli Consob e titoli banche per avere tutte le informazioni necessarie a stabilire se il prestito con titoli a garanzia è l’operazione più adatta alle proprie esigenze. Inoltre, bisogna considerare se il deposito contiene titoli a breve termine o meno e valutare come procedere con l’aiuto del consulente finanziario.  Ricordiamo infine alcune clausole che è meglio conoscere prima di avviare la procedura:

  • La banca vende i titoli impegnati in caso d’insolvenza
  • Inoltre, l’istituto di credito ha precedenza sugli altri creditori del cliente insolvente
  • Non c’è garanzia che i titoli tenuti in pegno dalla banca fruttino un rendimento sufficiente a compensare il tasso d’interesse che il cliente paga per tutta la durata del prestito
  • La banca non eroga una somma pari al valore dei titoli messi in garanzia. Se ad esempio un cliente impegna titoli per 50.000 euro, riceve un finanziamento di 30.000 sul conto da estinguere in un periodo medio di 30 mesi. E’ il cosiddetto “scarto” che la banca calcola a suo vantaggio per tutelarsi meglio dalle fluttuazioni sui mercati finanziari e dal rischio degli insolventi.