Breaking News

prestiti garantiti dallo stato

Prestiti garantiti dallo stato, tutte le novità Abi

Per tutte le imprese, i PMI e i liberi professionisti che hanno bisogno di ottenere dei finanziamenti esistono i prestiti garantiti dallo stato. Si tratta di prestiti per aziende introdotti dall’ultima legge di bilancio che sono volti ad aiutare imprese in difficoltà e per garantire lo sviluppo economico del nostro Paese. Ecco quali sono nel 2022 i finanziamenti garantiti dallo Stato.

Finanziamento per pmi garantito dallo Stato

Per permettere a PMI ottenere finanziamenti lo Stato ha stanziato dei fondi liquidità attraverso una serie di decreti ed attraverso l’ultima legge di Bilancio 2022. Un prestito garantito dallo stato permette alle imprese di ottenere liquidità che può essere investita in un’attività commerciale o professionale senza dimostrare garanzie di credito o mobiliari.

Questa legge ha previsto, innanzitutto, un Fondo di garanzia per PMI affinché avessero facile accesso a prestiti con garanzia tutte le piccole e medie imprese. Il prestito dura 120 mesi e prevede una somma finanziabile di circa 30000 euro per ogni impresa. Quindi, il prestito fino a 30000 euro per i PMI è coperto da una garanzia al 100% da parte dello stato e da un piano di rimborso fino a 15 anni.

Questi sono i prestiti PMI, ma non sono l’unico tipo di prestito statale. Infatti, per le imprese e per i liberi professionisti sono stati previsti dei finanziamenti garantiti per tutti coloro che hanno bisogno di liquidità per avviare un’attività o per fare un investimento futuro.

Per i liberi professionisti la legge ha previsto i cosiddetti prestiti d’onore. Sono finanziamenti che possono essere richiesti dai giovani studenti universitari per ricevere un aiuto economico per il pagamento della retta universitaria.

Ogni tipo di finanziamento statale è senza garanzie di reddito. L’istituto di credito eroga il prestito procedendo esattamente come qualsiasi altro prestito. Il richiedente poi riceverà però le garanzie da parte dello Stato.

Come funzionano i prestiti garantiti dallo Stato

In base a quanto previsto dalla normativa inserita nell’ultimo decreto Liquidità, possono erogare prestiti e finanziamenti con garanzia dello Stato tutte le banche e le finanziarie. Devono essere abilitate dalla Banca d’Italia ad emettere liquidità.

Le PMI e liberi professionisti che vogliono accedere a questi finanziamenti devono aver pagato regolarmente tutte le tasse spettanti. Inoltre, non devono avere un numero di impiegati e dipendenti superiore a 500, possono richiedere un finanziamento di importo non superiore al 25% del fatturato dell’anno precedente. Infine, i finanziamenti non possono eccedere i 6 anni, è prevista una fase di preammortamento da 12 a 24 mesi.

Per quanto riguarda invece di prestiti con garanzia statale concessi a partite iva e ditte individuali sono richiesti altri requisiti.

La banca dovrà verificare i requisiti di eleggibilità, valuterà l’accesso al credito e inserirà una domanda all’interno del portale governativo dedicato. Lo step successivo sarà attendere il riscontro dell’accettazione.

Una volta che la domanda viene accettata, lo Stato emette la garanzia e la banca eroga la somma per il finanziamento al richiedente. Tutto ciò che il richiedente dovrà fare sarà recarsi presso un istituto di credito e presentare esclusivamente la documentazione relativa al fatturato dell’anno precedente.